DI LUCIO GIORDANO

la tua immagine del profilo

Se vincesse passerebbe all’incasso. Molto difficilmente vincerà. Anzi, diamo la cosa come praticamente impossibile. Però quello che un paio di giorni fa ha detto Berlusconi sul governo Monti, rimbomba sempre più forte. Ogni ora di più. A chi gli chiedeva se fosse pentito di aver appoggiato il professore della Bocconi, il Cavaliere ha risposto: ”In quel momento c’è stata una vera e propria congiura e noi, vincendo, instaureremo subito una commissione d’inchiesta per esaminare quei fatti”. Poi ha aggiunto: “Monti dice che ha salvato l’Italia dalla catastrofe, ma queste sono mascalzonate, non è vero che l’Italia rischiava la catastrofe. C’è stata una manovra finanziaria e politica nei nostri confronti”. Ho provato a domandare ad un paio di colleghi esperti di politica cosa intendesse dire Berlusconi. Due le ipotesi. La prima: Il cavaliere sente il fiato sul colle di Monti. Praticamente la lista dell’ex premier rischia di mangiarsi tutti i voti di PdlLega nord, posizionandosi ideologicamente,  e senza incertezze, a destra, proprio dove Berlusconi e Maroni dovrebbero raccogliere consensi. E allora attacca a testa bassa.

Seconda ipotesi: il proprietario Mediaset sa qualcosa che non sappiamo. Cosa? Ecco in sintesi il pensiero di uno dei due colleghi esperti di politica. Berlusconi è stato scalzato dai poteri forti della finanza internazionale: Bilderberg, Trilateral. Veniva considerato inaffidabile e allora, con la scusa dello spread, lo hanno fatto letteralmente fuori. In seguito, è stato defenestrato anche dal Partito popolare europeo.

Il progetto, infatti,  è quello di dimezzare i salari italiani, trascinare il paese verso la grecizzazione. Del compito sarebbe stato incaricato  il cavaliere, distratto però da altro. Dunque,  ecco l’intervento della finanza e la nomina  di Monti, senza regolare voto elettorale. Il tutto per mettere in ginocchio l’Italia. Vero, falso? Di sicuro Berlusconi si è sentito ferito. E ha reagito allo sgambetto con rabbia. Una rabbia che non si placa. E non si placherà, almeno fino alle elezioni di febbraio.

Pubblicato il: 31 Dic, 2012 @ 05:35