DI FRANCESCO ERSPAMER

FRANCESCO ERSPAMER

“Crescita delle borse e dei mercati globali con gli investitori che scommettono che la presidenza Trump porterà più stimoli fiscali, meno tasse per le corporation e interessi più alti”.
Questo per gli amici di sinistra che per mesi hanno sostenuto che Trump fosse una specie di antiliberista e che Wall Street puntasse tutto su Hillary Clinton. Mentre l’ha sostenuta (e stiamo comunque parlano di qualche decina di milioni di dollari, spiccioli per loro) solo per liberarsi del pericolo Bernie Sanders. Ai poteri forti della finanza il miliardario newyorkese Trump è ovviamente sempre andato benissimo.
Non lo dico per polemica. Solo per invitare a più attente e distaccate analisi del neocapitalismo, che è infinitamente più ricco, potente e spregiudicato dei suoi avversari; per contrastarlo serviranno molta intelligenza, immaginazione, rigore.