DI CHIARA GELONI
CHIARA GELONI
Riepilogando:
  • alle 17 e 07 di ieri un’agenzia riferisce che il ministro Boschi, incontrando i comitati Basta un sì all’estero, ha annunciato l’imminente arrivo ai 4 milioni di nostri connazionali con diritto di voto fuori dall’Italia, “contemporaneamente alla scheda elettorale. Ma non insieme fisicamente, precisiamolo. Altrimenti scatta subito la polemica” di una lettera del presidente del consiglio agli italiani all’estero.
  • immediate le proteste degli esponenti del No. Gaetano Quaglieriello, sottolineando che il ministro ha alluso alla lettera durante un’iniziativa dei comitati del Sì e non ne ha parlato come di un testo dai contenuti istituzionali, si appella al ministro Gentiloni perché intervenga per ripristinare la parità di condizioni in campagna elettorale.
  • all’ora di cena le agenzie riportano la sintesi di alcuni passaggi della lettera, spiegando che essa contiene le istruzioni su come votare ma anche le considerazioni del premier sul fatto che (cito Agi) “l’Italia goda di un grande rispetto internazionale anche per la stabilità che ha raggiunto” finendo poi per illustrare (sempre Agi) “le ragioni per cui votare Sì”.
  • Enrico Mentana durante il tg di La7 stigmatizza duramente l’iniziativa dicendo che così si falsa il referendum.
  • alle 22 l’ufficio stampa del Pd parla di “polemiche strumentali, pretestuose e del tutto infondate” in quanto “la lettera del segretario Matteo Renzi agli italiani all’estero è un’iniziativa elettorale del Pd, sostenuta interamente dal punto di vista economico dal partito stesso”.
Mi chiedo:
  • se questa versione dei fatti possa essere ritenuta accettabile.
  • se il Pd possieda e disponga di 4 milioni di indirizzi di italiani all’estero.
  • se tale indirizzario sia pubblico e a disposizione di chiunque intenda “sostenere economicamente” l’invio di materiale elettorale.
  • se la lettera si presenta come comunicazione istituzionale o come propaganda elettorale.
Post scriptum: riporto qui quanto risponde a domanda il mio amico Walter, dal Brasile. Gli unici che hanno i nostri indirizzi sono i consolati attraverso l’AIRE (associazione italiana residenti all’estero) quindi l’unica maniera di sapere dove abito è usando i servizi dello stato italiano… Quindi non potrà mai essere una iniziativa de PD perché il PD non ha il mio indirizzo… E se mi manda una lettera lo denuncio per violazione della privacy visto che non c’è scritto da nessuna parte che iscrivendomi all’AIRE avrei ricevuto propaganda politica”.
Post post scriptum: la faccenda non viene ritenuta rilevante praticamente da nessun giornale italiano, a parte il Fatto quotidiano.
Aggiornamento: qualcuno mi ha risposto in privato che gli indirizzi sono a disposizione del comitato del Sì e del No (che non esiste però, mi pare, come soggetto istituzionale). Mi spiace, ma non è una risposta accettabile. Se la lettera è del comitato del Sì, perché la firma Matteo Renzi? Lui non ne fa parte. Se a scrivere è Matteo Renzi, la lettera è del governo o è del Pd. Non si scappa. (Mi chiedo poi come faccia il comitato del Sì a sapere quando il governo spedisce le schede elettorali, in modo che la lettera e la scheda arrivino “contemporaneamente”, come dice il ministro Boschi. Prodigioso, no?)