DI ANGELICA GIORDANO

Cranio Randagio, rapper romano, famoso per aver partecipato alla scorsa edizione di Xfactor, era in procinto di pubblicare il suo primo album, prima della morte, sopraggiunta ieri in casa di amici nel quartiere Balduina, Roma. La causa della morte parrebbe essere un cocktail letale di alcool e droga.

Vittorio Bos Andrei aveva 22 anni, un passato difficile ed un futuro radioso davanti a sé. Nel 2015 decise di farsi conoscere nel famoso talent Xfactor, che gli permise di far amare da molti ragazzi il grande talento di cui era dotato.

Scriveva della sua vita, di come il destino fosse stato duro con lui. Le sue parole erano intrise di rabbia e stanchezza, capaci di arrivare nel cuore con forza. Ma tutto questo non lo avrebbe mai buttato a terra, nei suoi versi si trovavano soprattutto una grande speranza e volontà di cambiare. Voleva cambiare un sistema, il nostro, dove è impossibile vivere. Dove l’aria è ormai irrespirabile per molti.

Vittorio era un ragazzo semplice e tranquillo, con uno stile particolare che lo contraddistingueva e con la capacità di aiutare qualcuno tramite i suoi testi. Aveva tanti sogni, tanta voglia di “farcela”. Ma in fondo, voleva solo avere un proprio posto nel mondo dove si sentisse accettato e riconosciuto per il talento che era.

Per Vittorio la fine è arrivata troppo presto, ora può solo “volare via, perché nel cielo c’è molto di più”.

http://video.corriere.it/giallo-morte-rapper-l-esibizione-cranio-randagio-x-factor/c922cb04-a97b-11e6-9e75-99cc0b521152

Risultati immagini per cranio randagio morto