DI PIER VITTORIO BUFFA
PIER VITTORIO BUFFA
Matteo Renzi sta usando sempre più spesso il termine “maggioranza silenziosa” per individuare gli italiani che, secondo lui, se ne stanno in silenzio, ma poi voteranno si al referendum. Beh, molti degli italiani che hanno qualche anno sulle spalle potrebbero davvero irritarsi a essere individuati come “maggioranza silenziosa”. In Italia la maggioranza silenziosa, un movimento nato nel 1971, era un misto di qualunquismo, postfascismo e anticomunismo che prese le mosse dalla paura delle piazze rosse, dalla paura del 68. C’è chi potrebbe rispondere a Renzi: “Maggioranza silenziosa a me? In silenzio ti mollo un no, caro Matteo”.
Speriamo però che la gran quantità di errori e scivolate accumulate in questa lunga campagna referendaria dal presidente del consiglio (a iniziare dal padre di tutti gli errori: “Se vince il no me ne vado”) si perdano per strada e, al momento di votare, ciascuno di noi abbia ben chiaro quello che è in gioco.
Non la vita o la morte. Non il sole o il diluvio universale. Ma cose ben precise e che, purtroppo, più passa il tempo meno sono collegate al merito della riforma che siamo chiamati a votare.
http://buffa.blogautore.repubblica.it/2016/11/15/maggioranza-silenziosa-no-grazie/
renzi