DI CHIARA FARIGU

CHIARA FARIGU

Stefano Parisi, rottamato ancor prima di essere assunto in pianta stabile dal suo mentore Berlusconi, cerca oggi di brillare di luce propria annunciando la nascita del nuovo movimento politico “Energie per l’Italia”. Alternativo, sostiene, sia a Renzi che alla sinistra. Il suo pensiero è racchiuso in questa frase “Con Energie per l’Italia mi sono assunto la responsabilità di rigenerare l’area liberale, popolare e riformista del paese. Continuo a lavorare per offrire agli italiani una proposta credibile, alternativa al centrosinistra, per ricostruire un rapporto di fiducia con l’elettorato. Per rappresentare la maggioranza degli italiani. Le coalizioni vengono dopo. Non so perché Berlusconi abbia cambiato idea rispetto a quello che mi ha sempre detto. Penso che il centrodestra a guida Salvini ci porterebbe a perdere”, è quanto ha dichiarato nell’odierna conferenza stampa.
Nessun passo indietro, dunque. Nonostante la sconfitta alla candidatura come sindaco di Milano, battuto al ballottaggio da Beppe Sala, e nonostante la cocente delusione a presiedere l’azzoppato partito di F.I.
Il suo, sostiene, non vuole essere né un partito né un movimento contro gli attuali componenti del centrodestra, ma un’offerta di innovamento e di idee perché “c’è un popolo liberale che ha perso fiducia nel centrodestra perché sempre più disunito”. E ancora: “Dobbiamo fare in modo che ci sia un’offerta alternativa seria, liberale e popolare, alternativa a quella di sinistra e dobbiamo evitare il rischio che in Italia l’alternativa sia tra Renzi e Grillo: oggi non c’è alternativa tra Renzi e Grillo”.

L'immagine può contenere: 1 persona , vestito elegante e sMS