DI DOMENICO BALDARI

Domenico Baldari

Molti vecchi del PD (Veltroni, Fassino, Finocchiaro, Chiamparino, Bassolino etc.etc.etc.) hanno visto in Renzi e nella sua resistibile ascesa uno strumento per le loro ambizioni e i loro rancori. Diversamente non si spiega come non ne abbiano colto il carattere avventurista, l’inconsistenza politica, l’estraneità rispetto alle tradizioni riformiste e democratiche. Tutta l’esperienza di governo e la vicenda referendaria dimostrano -oltre ogni ragionevole dubbio- che di Renzi non ci si doveva fidare. Eppure i ‘vecchi’ stanno ancora lì.
Li voglio vedere e sentire il 5 dicembre.
Questa faccenda della cattiva compagnia, dell’accozzaglia eterogenea, dell’armata Brancaleone, è determinata solo dal fatto che la riforma di Renzi&Partners fa assolutamente pena da qualunque lato la si guardi e che lo scacco in tre mosse (italicum+riforma+referendum) appare a tutti per quello che è: una pura operazione di espansione smodata del potere, operazione concepita male e sviluppata peggio. E questo dice quale sia il livello politico delle menti raffinatissime che hanno studiato lo scacco in tre mosse: pur volendo partorire un mostro hanno abortito. In sostanza, la bruttura complessiva è talmente vasta e profonda che ognuno ci può trovare un suo specifico motivo di raccapriccio. Questo solo bisogna rispondere a chi mette insieme persone distantissime tra loro, fa l’elenco delle ‘figurine Panini’ e da questo elenco ricava giudizi politici sul fronte del No.

Risultati immagini per Veltroni, Fassino, Finocchiaro, Chiamparino, Bassolino

Risultati immagini per Veltroni, Fassino, Finocchiaro, Chiamparino, Bassolino

Risultati immagini per Veltroni, Fassino, Finocchiaro, Chiamparino, Bassolino