DI CHIARA FARIGU
CHIARA FARIGU

Dopo le ultime violentissime risse con morti e feriti tra gang giovanili, si è tenuto stamattina a Palazzo Marino un vertice d’urgenza col ministro Alfano, il sindaco Sala e il prefetto Marangoni per garantire sicurezza ai milanesi e riportare ordine nella città. Queste le misure annunciate: 150 militari in più a supportare le forze dell’ordine che da 650 diventeranno 800 e stop all’arrivo di nuovi immigrati perché “Milano ha già fatto la sua parte”.
E’ lo stesso ministro a darne comunicazione, al termine del vertice, e con quali modalità si intende procedere. “Domani finisce il Giubileo e immediatamente sara’ predisposta la redistribuzione in Italia dei militari impegnati nella Capitale per l’Anno Santo”. Per quanto riguarda la presenza degli immigrati, invece, il ministro ha aggiunto che “Milano ha raggiunto la sua quota e quindi se ci sarà un calo degli sbarchi, come è presumibile per il periodo invernale, ci sarà uno stop agli arrivi. Il peso dell’immigrazione si sente soprattutto perché ci sono Comuni che non accettano arrivi scaricando il peso dell’emergenza sugli altri. Cercheremo di farli collaborare”.
Soddisfatto il sindaco che ha tenuto a precisare che a Milano “non c’è nessun allarmismo” e che la città “è più sicura di tante altre”. “Lavoriamo per prevenire e intervenire dove è necessario. Per questo abbiamo chiesto al governo di aumentare il numero di militari che sono già presenti in città, Questi, ha chiarito Sala, serviranno per presidiare i “luoghi sensibili” e di maggiore aggregazione, in modo da poter liberare le pattuglie della Polizia locale che potranno così essere impiegate altrove, come davanti alla Stazione Centrale”.
Sul fatto che non ci sia “nessun allarmismo” dissentono fortemente gli esponenti della lega che invitano il ministro ad agire e alla svelta, prima che la situazione sfugga di mano considerato, sostengono, che oltre 3.000 richiedenti asilo bivaccano nella zona della Stazione centrale e che a causa del sovraffollamento potrebbe diventare incandescente con tutte le conseguenze del caso

L'immagine può contenere: 3 persone