DI OLIVIA GOBETTI
silvia-gobetti
Che l’italiano medio sia molto sensibile agli sconti di ogni tipo, ai saldi, ai buffets dove si mangia a volontà e soprattutto gratis, alle raccolte punti del supermercato fino alle free slots di ultima generazione, lo sapevamo. Evidentemente, anche l’Assessore comunale al Turismo di Assisi, Eugenio Guarducci, ne è al corrente, tanto da inventarsi un’originale “genialata” per invogliare i turisti in coppia a visitare il piccolo grande gioiello umbro, già famoso al mondo intero per il suo patrimonio paesaggistico, culturale e spirituale, e spendere alloggiando nei vari alberghi e agriturismo locali.
Nasce così un’idea partorita (è il caso di dirlo) al Tavolo Assist Turismo da alcuni operatori privati che, proprio in questi giorni, sta facendo il giro dei media finalizzata a un marketing territoriale decisamente inusuale per la terra che diede i natali a San Francesco e a Santa Chiara.
“Fertility room” fa leva sulla consapevolezza che, pur essendo un importante gesto d’amore, mettere al mondo un figlio in un periodo di tale crisi economica, possa rappresentare un freno per molte coppie. Che cosa si è inventato per venire loro incontro e invogliarle a procreare? Questa la proposta: venite a passare la notte in una delle strutture ricettive aderenti (elenco su fertilityroom.it). Se dopo i canonici nove mesi dimostrate attraverso un certificato di nascita (con un’elasticità di dieci giorni pre e post) che proprio quella notte avete concepito il vostro bimbo, avrete diritto al rimborso spese. Oppure, se preferite, a un bonus per un altro soggiorno.
Non voglio pensare alle “gabole” che verranno architettate dalle italiche fantasiose menti, per documentare un concepimento avvenuto, in realtà, in ben altre sedi, come la propria camera da letto, un hotel ai Tropici, o sotto il classico cielo stellato…
Una cosa è certa: la Lorenzin masticherà amaro, visto il flop dei suoi recenti manifesti pro fertilità. E magari, prenderà spunto dagli ironici operatori turistici assisiani per incentivare il volo delle cicogne. Ad ogni modo, se nella zona umbra, da qui al 31 marzo 2017, data in cui scadrà l’iniziativa “Fertility room”, avvertirete dei leggeri ma persistenti movimenti sussultori, non pensate a quelli tellurici, perché saranno di ben altro genere…
fertility