DI GIANFRANCO MICALI
GIANFRANCO MICALI
C’è un punto sul quale sostenitori del NO e del Sì sono tutti d’accordo: non se ne può più di questa insopportabile infinita opprimente campagna referendaria. Eppure da più di due anni il Governo vi ha puntato tutte le sue energie, e impiegato tutte le sue truppe politiche, mettendo in gioco persino la propria sopravvivenza. Il mantra costantemente ripetuto è “per il bene dei cittadini”. Ecco, in maniera semplicistica ma reale, vorremmo proporre alcuni temi che sono di sicuro più cari ai cittadini e che, in tutto questo tempo, sono stati trascurati, e sui quali giacciono in parlamento progetti legislativi di varie forze politiche. Se ci fosse stata una volontà politica, nessun ping pong tra Camera e Senato li avrebbe fermati, e neppure rallentati:
LOTTA ALLA CORRUZIONE
LOTTA ALL’EVASIONE
LOTTA ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA
E con il recupero delle risorse derivanti da queste battaglie si sarebbero potute intraprendere:
LOTTA ALLA POVERTA’
LOTTA ALLA DISOCCUPAZIONE
MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO
MIGLIORAMENTO DEL WELFARE E DELL’ASSISTENZA SANITARIA
Mi scuso per la brevità dell’elenco che chiunque può adeguatamente rimpinguare.
Un elenco che raccoglierebbe un “sì” plebiscitario, mentre oggi siamo costretti a dire solo
NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO
a questa inutile e pericolosa riforma costituzionale.