DI CARLO PANSERA

GENOVA

Marta Vincenzi, ex sindaco di Genova, è stata condannata a 5 anni di reclusione per omicidio colposo plurimo e disastro per l’alluvione avvenuta nel 2011, che causò la morte di sei persone. Inoltre Vincenzi è accusata di falso e calunnia, per aver successivamente modificato i reali fatti accaduti in quel tragico 4 novembre. Nel procedimento vediamo protagonista anche l’ex assessore alla protezione civile del comune di Genova Francesco Scidone, riconosciuto anch’egli colpevole e condannato a 4 anni e 9 mesi. In più, colpevoli per gli stessi reati, sono i dirigenti comunali Gianfranco Delponte, condannato a 4 anni e 5 mesi, Pierpaolo Cha, condannato a 1 anno e 4 mesi e infine Sandro Gambelli, il quale dovrà scontare soltanto un anno. Assolto invece Roberto Gabutti, il quale all’epoca era responsabile dei volontari della protezione civile. L’ex sindaco, poco dopo il responso finale della corte d’assise, ha rilasciato una breve intervista, affermando di considerarsi innocente.

Genova, cinque anni a Marta Vincenzi per l'alluvione 2011