DI ENNIO REMONDINO

https://alganews.wordpress.com/

Trump contro tutti, un twitt o una intervista tv dopo l’altra. Ieri Corea e Cina, oggi l’ex amico Putin e la Siria. “Ha nascosto prove dell’attacco chimico di Assad”. Putin con Mattarella aveva ricordato le menzogna americane sulla armi atomiche di Saddam. Prima i twitt contro la Corea, “Cercano guai”, e quelli alla Cina su sostanziale ‘chi se ne frega’ se non aiutata e non volete le nostre atomiche a Seul.

Siria

Donald Trump incontenibile, sembra voler sfidare il mondo, prendendolo a schiaffi. Corea, Cina, Siria, Russia, e via strepitando. E ricomincia con la Siria, rompendo l’insolito silenzio che teneva da venerdì, giorno in cui ha ordinato l’attacco missilistico contro la Siria di Assad. Intervista alla tv amica Fox News e il tabloid New York Post. Secondo una imprecisata agenzia di spionaggio -spara Trump- Mosca ha cercato di nascondere le prove dell’attacco chimico della settimana scorsa dal regime di Assad. Ieri Putin aveva di fatto già smentito queste ipotesi nell’incontro con Mattarella, ricordando le storiche bugie Usa sulle armi di distruzione di massa attribuite a Saddam.
Scopo dell’offensiva mediatica è chiarire la posizione dell’amministrazione sulla Siria dopo che per giorni i più stretti collaboratori di Trump, modello armata Brancaleone, avevano detto tutto e il contrario di tutto. Almeno su un punto Trump, frena: “Non stiamo andando in Siria -dice al New York Post- La nostra missione è prima di tutto sconfiggere lo Stato islamico”.
Speranza di qualche chiarimento questa mattina a Mosca durante l’incontro fra il segretario di Stato Usa Rex Tillerson e il suo omologo Sergey Lavrov. Nuova amministrazione Usa dai passi decisamente incerti e, per aiutare Tillerson a gestire la situazione, arriva come numero due del dipartimento di Stato John Sullivan, ex sottosegretario al Commercio con Bush Junior, uno che sa come funziona la macchina del governo Usa.
CONTINUA SU:
http://www.remocontro.it/…/un-twitt-laltro-verso-la-guerra…/

 

Annunci