DI GIOVANNI PAGLIA

https://alganews.wordpress.com/
In Turchia il referendum costituzionale trasforma un regime di fatto in un regime di diritto.
Succede alle porte dell’Europa, dopo mesi di repressione violenta e arbitraria di qualsiasi forma di opposizione, a partire da quella della minoranza curda.
Al resto del mondo naturalmente va bene così, dato che l’autocrazia ben risponde agli interessi del capitalismo contemporaneo.
L’impressione è che guardiamo il futuro, molto più che un rigurgito di passato.
A noi il compito di continuare sempre a sostenere chi in quel paese si batte per la democrazia e la giustizia sociale.
Da oggi è ancora più necessario.
Annunci