DI UDO GUMPEL

Il giornalismo “a tesi”: causa profonda dell’aberrante e pericoloso – per la salute delle nostre figlie –  “servizio” di Report sugli effetti collaterali della vaccinazione contro il Papilloma virus (hpv) che ancora oggi causa 1000 vittime all’anno in Italia. Si parte da una tesi e si raccolgono testimoni “solitari”, “controcorrente” preferibilmente. Non ci si fa consigliare dai migliori scienziati del mondo, ma da “outsider”. Non considerando che quegli outsider non lo sono casualmente, il più delle volte, nella scientific community. Di solito lo sono perché propongono tesi non verificate, verificabili, o proprio già ampiamente falsificate. Come nel caso specifico. Si, ci sono effetti collaterali, in alcuni casi. Rossori, febbre leggera. Per alcuni giorni. Di contro: salva da un orribile tumore e da tante altre malattie per tutta la vita.
Con il www gli ignoranti hanno la formidabile occasione di fare gruppo. Ma scusate, la scienza non si decide con un voto da Casaleggio, ma con prove raccolte seguendo uno stretto percorso scientifico. Nel mondo scientifico – anche della sperimentazione dei vaccini – contano esperimenti verificati, e chi non ci capisce niente non conta nulla.
Grave che Report abbia voluto dare spazio alle falsità, propagandisti della ignoranza. Ha fatto un enorme danno alla salute pubblica, contro un vaccino che protegge al 100%. Il primo vaccino antitumorale su larga scala. Non a caso lo scopritore prese all’istante un Premio Nobel nel 2008 per questa importantissima scoperta e subito fu prodotto e distribuito il vaccino perché tutto il mondo scientifico riconobbe all’istante la enorme epocale scoperta che un virus causa quel tipo di tumore. Onore al ricercatore di Heidelberg Harald zur Hausen che ha già salvato la vita a milioni di donne.
Putroppo non é stato ancora trovato un vaccino contro l’ignoranza, ma ci si sta lavorando intensamente.

Risultati immagini per NON SONO D'ACCORDO CON SERVIZIO DI "REPORT" SULLE VACCINAZIONI CONTRO IL PAPILOMA VIRUS

Annunci