DI PAOLO FERRERO

https://alganews.wordpress.com/

In questi anni ho sempre distinto in modo netto tra destra razzista di tipo fascistoide e destra tecnocratica di tipo liberale. Il Partito Democratico dopo i Decreti di Minniti e le uscite della Serracchiani mettono a dura prova questa distinzione. Non perché questi del PD siano convintamente razzisti ma perché il loro nichilismo sul piano politico e morale li porta ad un meccanismo adattativo privo di alcun vincolo. Sono così innamorati del potere – e del consenso che gli serve per mantenerlo – che sono disponibili a fare e a dire qualsiasi cosa, anche quelle proprie della destra razzista e fascistoide. Sono l’emblema del degrado morale, prima ancora che politico, delle classi dominanti il paese.

Annunci