DI VINCENZO PALIOTTI

Un Napoli “show-time”, batte 5 a 0 il Torino allo Stadio dedicato al grande Torino, dodicesima vittoria fuori casa, e si ripropone al secondo posto in attesa della partita della Roma che stasera si batterà con la Juventus. La squadra di Sarri ha iniziato in velocità la partita trovando il gol al minuto 7 con Callejon su assist di Allan ma non si è fermata al vantaggio costruendo gioco e almeno tre palle gol nette sciupate dagli attaccanti azzurri, oggi in maglia bianca con striscia trasversale azzurra. Il Torino non trovava il bandolo della matassa per le manovre in velocità della squadra partenopea, i movimenti senza palla del Napoli, il continuo pressing e la velocità di esecuzione consentivano molto poco ai granata che riuscivano a tirare verso la porta di Reina solo dopo 23 minuti di gioco. Il tempo si concludeva sempre con il Napoli alla ricerca del raddoppio. La ripresa vedeva un Torino più vivo ma il Napoli continuava a costruire gioco ed al minuto 15 trovava il raddoppio con Insigne servito da Mertens al culmine di un’azione in velocità. Gli azzurri calano il tris con Mertens ed il poker con Callejon, doppietta per l’instancabile spagnolo. Intanto Zielinsky rileva Allan, un po’ affaticato. Entra quindi Rog per Hamsik ed i gol dei partenopei arrivano a 5 con Zielinsky . Sarri intanto concede gli ultimi 10 minuti a Milik che sostituisce Callejon che esce tra gli applausi, meritati dei tanti tifosi azzurri presenti. La partita si trascina fino alla fine con il possesso palla degli azzurri su un Torino che aspettava il triplice fischio del signor Irrati come una liberazione. Ulteriore prova di forza quindi della squadra di Sarri che per lunghi tratti della gara ha dato veramente spettacolo dimostrando anche di essere in grande condizione atletica nonostante si sia quasi alla fine della stagione. Ottima prova di Callejon che oltre alla doppietta non si è mai risparmiato nel cucire le azioni tra centrocampo ed attacco e distinguendosi anche nella fase difensiva. Insigne sempre più leader di questa squadra, Jorginho regista preciso e difesa, con Koulibaky ed Albiol in grande spolvero, che oggi non ha dato nessuna possibilità ai granata, neppure trovandosi davanti Belotti, uno dei migliori “bomber” del campionato. Un dato statistico: il Napoli ha raggiunto la quota di 107 reti in stagione, uno in più della stagione passata ed ha ancora due partite da disputare, segnando 46 gol in trasferta che eguaglia un altro record che apparteneva alla Juventus nella stagione 1949/50, oltre alle 12 vittorie ottenute fuori dalle mura amiche. Nel prossimo turno il Napoli affronterà, al San Paolo, la Fiorentina per continuare la lotta al secondo posto ed alla qualificazione diretta alla Champions League.
L'immagine può contenere: 3 persone, persone che praticano sport e spazio all'aperto
Annunci