DI SERGIO DI CORI

https://alganews.wordpress.com/

Dopo aver battuto il record planetario nel campo dell’editoria (l’Italia è un paese dove il numero degli scrittori è superiore al numero dei lettori, provocando sconcerto e interesse scientifico presso gli antropologi culturali) siamo vicini, grazie all’imminente estate, a un nuovo record: il massimo numero dei concorsi letterari concepibili in una nazione, diciamo così acculturata.
Su facebook siamo già al comando: circa 2500.
E’ una delle modalità deteriori e regressive nell’affrontare quel punto di incontro tra ignoranza culturale e disoccupazione disperata, vero cancro della nazione, che spinge a inventarsi nuovi lavori basati sullo schiavismo intellettuale: considerata la media della tassa richiesta -tra i 10 e i 40 euro a testo- un concorso garantisce un incasso tra i 2000 e i 10000 euro per chi lo gestisce.
In compenso, per i sedicenti autori c’è il guadagno del nulla.
Quindi abbiamo dei poveracci (convinti di essere furbi) che lucrano sulla disperazione di altri poveracci che pensano di essere furbi.
Benvenuti in Italia.

Risultati immagini per ARRIVANO I CONCORSI A PREMI PER  SCRITTORI MENTRE CALANO I LETTORI

Annunci