DI VANNI ZAGNOLI

In Corea del Sud c’è il mondiale under 20, l’Italia parte oggi da Roma e domenica alle 13 italiane esordirà contro l’Uruguay, una delle più accreditate. Gli azzurrini partecipano grazie all’argento europeo dell’under 19, un anno fa in Germania, nella finale persa 4-0 con la Francia. Mercoledì 24, sempre a Suwon, c’è il Sudafrica (alle 10), sabato 27 il Giappone (ore 13): passano agli ottavi le prime due, più le migliori 4 terze dei 6 gironi, l’Italia dovrebbe giocarsi il primato con gli uruguagi.
“Abbiamo sempre il dovere di provare ad arrivare in fondo – spiega il ct Chicco Evani -, teniamo a fare un buon mondiale”. I campionati sono ancora nel vivo, perciò in squadra ci sono elementi non così utilizzati. “Ho scritto alla Fifa – rivela Michele Uva, direttore generale della Figc -, assieme a Francia, Germania, Spagna e Inghilterra, per segnalare questa l’anomalia del calendario e non sovrapporre il mondiale alle giornate decisive di A, B e Lega Pro. Comunque ringrazio le società che hanno concesso i giocatori”.
Fra queste c’è il Cittadella, che perde il più in forma, l’attaccante Luca Vido, autore di 4 gol nelle ultime 2 gare, dunque salterà i playoff, nel caso si disputino. In 4 sarebbero ancora in età ma sono con le nazionali maggiori: con Ventura Donnarumma e il friulano Meret, portiere della Spal; giocheranno invece l’Europeo under 21 di giugno Locatelli (Milan) e Chiesa (Fiorentina). In porta si contendono il posto Perisan, di San Vito al Tagliamento, terzo dell’Udinese, e il padovano Zaccagno, di Padova, secondo alla Pro Vercelli. Spiccano Barella (Cagliari) e Orsolini (Ascoli), che alla Juve raggiungerà il capitano Mandragora, quest’anno una sola presenza.

Risultati immagini per ESORDIO DELL'ITALIA CONTRO L'URUGUAY AI MONDIALI DI CALCIO UNDER 20 IN COREA DEL SUD

Annunci