DI NICOLA FRATOIANNI

 

https://alganews.wordpress.com/
Da poche ore abbiamo saputo del terribile incidente in cui è stato coinvolto Nicky Heyden mentre si allenava con la sua bicicletta. Mi auguro davvero che possa superare presto le condizioni preoccupanti di cui parlano le agenzie di stampa e che possa presto tornare a dedicarsi alla sua passione per la moto.
Purtroppo gli incidenti di questo tipo sono molto frequenti sulle strade italiane: nel 2015 l’Istat ha stimato che siano stati coinvolti almeno 45 ciclisti al giorno. I morti in sella a una bici sono stati 252, uno ogni 35 ore. Una vera strage, che va fermata. Noi crediamo in un paese che riveda il proprio sistema di mobilità scoraggiando l’uso dell’automobile e incoraggiando tutti ad utilizzare mezzi alternativi, salutari ed ecocompatibili, come ad esempio la bicicletta. Crediamo in un paese che promuova lo sport e l’attività fisica. Da dove cominciare? Dal garantire sicurezza e incolumità ai ciclisti, cambiando le norme del codice della strada, costruendo più piste ciclabili, rivedendo la segnaletica stradale orizzontale e verticale e infine istituendo maggiori ‘zone30’ e maggiori controlli nelle aree urbane.
Annunci