DI GERARDO D’AMICO

https://alganews.wordpress.com/

Spero che una volta, una volta sola, i due maggiori partiti presenti in Parlamento si mettano d’accordo su una legge elettorale più maggioritaria possibile: è interesse di gruppetti e cespugli spingere verso il proporzionale, in nome della “rappresentanza” che tradotto vuol dire mantenere il diritto di veto o di ricatto, visto che nessuno è in grado di arrivare alla maggioranza assoluta per governare.
Il Paese sta affondando da decenni anche per queste spinte centrifughe in nome della “democrazia”, tutti a tavola a spartirsi qualcosa, in proprio conto o per le loro lobby, mentre nessuna decisione di sistema viene presa: altrimenti uno dei duecento gruppetti lascia la maggioranza e cade il Governo.
È una lunga agonia, un cancro che ha portato allo sfascio ed alla ingovernabilità questo Paese.
“Coalizioni”, appoggi esterni, un po’ dentro un po’ fuori: è ora di dire basta.
E se partiti dello zero virgola non sono d’accordo, si approvi lo stesso una legge decisamente maggioritaria e si vada a votare: come accade con i sindaci, la cui legge elettorale è perfetta.
Maggioranza assoluta, possibilità di far vedere a chi ti ha votato quello che sei in grado di fare o se sei incapace, ed alle successive elezioni se non hai soddisfatto gli elettori sarai sostituito.
Perché non si può fare anche a livello nazionale?

Risultati immagini per ROSATELLUM RIFORMA ELETTORALE

Annunci