DI SILVESTRO MONTANARO

L’inutilità ed il cinismo della nostra classe politica, di quella europea in toto, aggiungono un’altra pagina vergognosa alla loro non volontà di affrontare seriamente il problema della tragedia migratoria in corso.
In Sud Sudan è in corso un genocidio. I morti sono centinaia di migliaia, frutto di anni di guerra civile che nessuno ha voluto arrestare. A questi si aggiungono e si aggiungeranno tantissimi altri vista la pratica di sterminio etnico messa in atto dalle milizie governative in queste ultime settimane. L’ordine è di eliminare ogni traccia delle etnie ribelli, a partire dalle donne capaci di riprodursi e dai bambini. Alla soldataglia, cui da tempo non si paga il soldo, la ricompensa assicurata è la libertà di saccheggio e di stupro. Ed è quello che sta avvenendo nel silenzio del mondo i cui potenti molto avrebbero potuto fare per impedire quella che si annuncia come la soluzione finale. Hanno preferito i loro affari. Il Sud Sudan è ricco di petrolio ed è questa la vera causa dell’eccidio in corso.
Milioni di persone sono in fuga dalla guerra, dagli stupri, da una spaventosa epidemia di colera e non si è in grado neanche di assicurare corridoi umanitari e far arrivare viveri e assistenza sanitaria. Le truppe governative impediscono ogni aiuto e nessuno fa qualcosa di serio per impedirlo.
Anche in Yemen si continua a morire ed è scoppiato il colera. Anche qui nessuno ha il coraggio di imporre la pace. Anche qui nessuno fa nulla di serio per impedire i bombardamenti della coalizione saudita che fanno strage di civili e strutture di aiuto e sanitarie con il chiaro intento di decimare l’avversario. Anche qui milioni di esseri umani in fuga.
Stessa situazione in Somalia. Si calcola che circa 20 milioni di persone, tra Sud Sudan, Somalia, Yemen, Nord della Nigeria siano a rischio di morire per fame. Una immensa dolorosissima insopportabile tragedia.
E’ immaginabile che una parte di questi disperati tenterà la fuga, proverà a cercare salvezza dalle nostre parti. Futuri immigrati, carne da barconi che affronterà altre infinite violenze pur di salvarsi.
Nessuno, ma davvero nessuno, parla di questo orrore.
E’ più facile speculare e far demagogia piuttosto che misurarsi con le cause dei problemi provando a risolverle.
Ed allora sbattiamoglielo in faccia alle nostre elites dirigenti. Raccontiamo e diffondiamo ciò che sta accadendo. Chiediamo interventi immediati, soluzioni, politiche vere e serie che mettano fine a questo orrore. Io, noi, non vogliamo esserne complici e tantomeno vogliamo esser presi per i fondelli e scaraventati in guerre tra poveri. Gli interessi che uccidono questi popoli sono gli stessi che attaccano la nostra quotidianità.
L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute
L'immagine può contenere: una o più persone e persone che dormono
L'immagine può contenere: una o più persone e persone sedute

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute e bimbo

 

 

Annunci