DI ANNA FALCONE

La proposta del PD sulla legge elettorale è a dir poco geniale: si passa da un singolo sistema di candidature bloccate a un doppio sistema di candidature bloccate: uninominale e su liste corte. In entrambi i casi l’elettore non può scegliere il proprio candidato, ma solo aderire alle scelte fatte dai partiti. Questo sì che vuol dire essere in sintonia con il Paese! Berlusconi non avrebbe saputo fare di meglio: quando l’allievo supera il maestro.. La Corte costituzionale aveva chiesto il rispetto del rapporto di rappresentanza (possibilmente reale) fra eletti ed elettori. Come non detto.

Risultati immagini per LA LEGGE ELETTORALE PROPOSTA DAL PD NON RISPETTA IL RAPPORTO FRA ELETTI E ELETTORI

Annunci