DI PIERO ORTECA

https://alganews.wordpress.com

E se la vispa Theresa questa sera non cantasse giuliva? si chiede con malizia Piero Orteca.
È il giorno della verità, oggi la Gran Bretagna va al voto anticipato. Corbyn tenta un’incredibile rimonta contro la premier May in grave difficoltà. Per i sondaggi è un testa a testa ma sulle elezioni il peso degli ultimi attentati e sopratutto tanti grossi problemi interni. In ballo Brexit e futuro del Labour.

Parafrasando Shakespeare, sarebbe il caso di dire “tanto rumore per nulla”. Quando Teresa May ha pensato di capitalizzare i primi favorevoli sondaggi (frutto di scarsa lungimiranza e di umorali speranze) c’era ancora l’onda lunga della Brexit. Per cui, la nuova premier inglese ha pensato bene di sfruttare il vento che soffiava a favore dello splendido isolazionismo britannico, indicendo nuove elezioni. Aveva già una buona maggioranza, ma ne cercava una ancora più grande. L’avidità, si sa, è figlia della supponenza.

CONTINUA su:

Gran Bretagna – Forse May più

http://www.remocontro.it/2017/06/08/british-elections-forse-may-piu/

 

Annunci