DI MARCO GIACOSA

https://alganews.wordpress.com/

Una lista dal nome «Fasci Italiani del Lavoro», avente come simbolo il fascio littorio, ha preso 334 voti, pari al 10,41%, in un piccolo comune in provincia di Mantova.
Il candidato sindaco, una ragazza di 20 anni, è stata eletta in consiglio comunale.
Non è una novità che liste di estrema destra si presentino con il simbolo alle amministrative, ma questo avviene soprattutto nei comuni sotto i 1.000 abitanti, dove non sono necessarie firme per presentare la lista. In questo comune, invece, la lista è stata sottoscritta, a norma di legge, da un numero di elettori tra 30 e 60.
È invece una novità che una lista dichiaratamente fascista – non di estrema destra: fascista, nel nome e nel simbolo – venga ammessa e, soprattutto, votata: 334 voti, in uno scenario con tre candidati, non sono pochi.
Qualche sera fa ho chiesto ad alcuni amici più giovani di me, a proposito del nazismo: C’è ancora la memoria, nelle nuove generazioni, o si sta perdendo?
Mi è stato risposto: La memoria c’è, manca la consapevolezza.

Risultati immagini per UNA LISTA  DAL NOME "FASCI ITALIANI DEL LAVORO" CON SIMBOLO IL FASCIO LITTORIO PRENDE IL 10% DEI VOTI IN UN PAESE

Annunci