DI UMBERTO SAMMARINI


Il 2 giugno, dalla basilica di Castelnuovo Don Bosco, veniva trafugata la reliquia del Santo, consistente in un frammento del suo cervello. Si ipotizzò che alla base del gesto blasfemo ci fosse, da parte del ladro o dei ladri, l’intenzione di chiedere un sostanzioso riscatto. Questa sera, la procura di Asti, informa che i carabinieri hanno recuperato la preziosa urna. Arrestato anche il presunto ladro, presunto e non accertato, questo il motivo per cui non è ancora stato fatto il nome. Sulla base di accertamenti, a noi sconosciuti, le forze dell’ordine escludono l’intenzione ricattatoria

Annunci