DI ANNA LISA MINUTILLO
Al Brancaccio a Roma, con Anna Falcone e Tomaso Montanari incontro con un numero cospicuo dei rappresentanti del “popolo del No” al referendum costituzionale del 4 Dicembre scorso. Una mobilitazione “da sinistra”, politica e civica, per la difesa e l’attuazione della nostra Costituzione che è oggetto del tentativo regressivo approvato da una ristretta maggioranza parlamentare.
Rappresentanti stanchi di questa politica ridotta a teatrino mediatico condito di conformismi e populismi, ostaggi delle lobbies e dei comitati d’affari. Persone stanche di una politica occupata da partiti personali che si intrecciano ad interessi particolari.
Stanchi di questa politica forte coi deboli e debole coi forti.
Occorre potersi riprendere in mano il nostro futuro e quel tempo è ora!
La proposta lanciata oggi da Anna Falcone e Tomaso Montanari, due figure innovative con alti profili culturali e di forte indipendenza politica. Due protagonisti della grande battaglia vittoriosa dei comitati per il No alla contro-riforma Renzi-Boschi per la difesa e l’attuazione della Costituzione.
Un appello semplice, diretto e coerente, privo di elementi ambigui o di strane tattiche per l’avvio del processo costituente di una nuova esperienza di partecipazione popolare capace di ricongiungere l’impegno civile, sociale e politico nel protagonismo i tanti cittadini impegnati nei comitati e nei movimenti, nelle associazioni e nelle reti, nelle organizzazioni sociali e sindacali, che possa vedere anche il confluire delle realtà politiche disponibili.
Ciò che vorremmo è un’alleanza fra cittadini, associazioni, movimenti, comitati, realtà civiche e politiche che impegnandosi su un programma comune riescano a dare voce e rappresentanza alla parte sommersa di questo Paese. Quella che è stata più colpita dalla crisi, quella che, spesso, non vota più e, se vota, è spesso costretta a rassegnarsi al meno peggio. Noi pensiamo che il voto ha senso se ti rappresenta, non se è ‘costretto’, dall’assenza di una proposta credibile o dal ricatto del voto ‘utile’…a qualcun altro.
Una Sinistra di tutte e di tutti, fedele ai suoi ideali ed alla Costituzione, che si ponga in alternativa al Pd e alle altre vecchie forze fallimentari della fu-socialdemocrazia europea.
L’appello Falcone-Montanari, può costituire l’innesco generativo di una diffusa confluenza per l’insorgenza di nuovo radicalismo democratico , queste le basi di chi oggi è presente al Brancaccio, dove si respira aria di nuovo entusiasmo, di volontà di fare senza cedere ai ricatti, di dare a questo paese ma anche alla parola sinistra il significato che spetta loro.
Molte le presenze, in prima fila i dirigenti di movimenti e partiti che auspicano il rinascere di una sinistra concreta che parta dal popolo.
Altro…
L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, notte, scarpe e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: una o più persone e folla
L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piedi
L'immagine può contenere: una o più persone, folla, concerto e spazio al chiuso
L'immagine può contenere: 1 persona, folla, concerto e spazio al chiuso
Annunci