DI GIOVANNI PAGLIA
https://alganews.wordpress.com/
Puntuale riparte il dibattito sulla sinistra che si divide, che serve a dire preventivamente che sia inutile.
Va quindi chiuso immediatamente, perché fa solo danni.
Osservo che l’unità è un fatto politico e si costruisce quindi sulle risposte a questioni che non tutti hanno ancora sciolto, rendendo confusa la questione.
Ne propongo due e una postilla.
1- La stagione dell’Ulivo è qualcosa a cui richiamarsi, o qualcosa a cui si debba porre rimedio, sul piano delle scelte politiche e dell’asse culturale?
É il dibattito che ha attraversato il Labour e ha portato Corbyn ad affermarsi contro la Terza Via.
2- il PD è un avversario o un potenziale, seppur lontano, alleato?
È una questione politica, che non si può esorcizzare, perché fa parte delle scelte che indirizzeranno il futuro prossimo.
Non nasce dall’ideologia, ma dai risultati, rivendicati, di almeno 5 anni di governo.
Postilla: qualunque forza politica ambisce a essere maggioritaria, nessuna ci riesce.
Il punto quindi non è la volontà di allargare il perimetro del proprio consenso, ma su quale profilo si tenti l’impresa. Si può fare annacquando la proposta per collezionare figurine di ceto politico, oppure lavorando sui contenuti. Si può essere radicali e scoprirsi rassicuranti, o confondere apertura e cedimento.
Annunci