DI EMILIO MARRESE

“Quasi Amici”… La Fortitudo ha preso il giocatore Alessandro Amici. Non mi risulta sia mai stato squalificato, ma i famosi tre indizi ci sono: quando giocava a Ferrara finì nei casini accusato di aver dato del “nero scemo” a uno di Matera (Greene) e poi della “scimmia” a uno di Mantova (Jefferson: i giocatori di Ferrara fecero un comunicato per scusarsi). Poi fu preso da Mantova, i cui tifosi protestarono, invano. Ora è in attesa di verdetto federale per insulti razzisti a Umeh della Virtus. Quindi fino a prova contraria innocente, sebbene le coincidenze siano sospette. Staremo a vedere. Sarò bacchettone, ma io alla canottiera della Fortitudo tengo e possibilmente anche alla qualità del ripieno. Questa scelta, diciamo così, al momento non mi entusiasma.
PS Fosse sotto accusa – non condannato – per aver insultato Legion o Knox, i miei amici di Fossa e dintorni sarebbero stati zitti?

Annunci