DI GIULIETTO CHIESA
https://alganews.wordpress.com
Tutto come previsto. Seguire i puntini.
1) Washington annuncia un prossimo attacco siriano con armi chimiche. Damasco risponde: frottole. Mosca risponde: venite a vedere e controlliamo insieme. Washington rifiuta.
2) L’organizzazione per il controllo delle armi chimiche (OPCW) rifiuta di andare a controllare. Invece rende pubbliche le risultanze di una non inchiesta e dice che a Khan Sheikhun è stato usato gas nervino (ma da chi?)
3) Ieri un gruppo pressochè sconosciuto di tagliagole mercenari, denominato Failaq al-Rahman, accusa le truppe siriane di avere usato gas a Ain Tarma.
Ci siamo. La false flag operation è pronta per la partenza. Aspettatevi un diluvio di prese di posizione occidentali, tutte basate sul nulla o, basate sulle dichiarazioni dei terroristi, che giustificheranno l’inizio dell’offensiva.
Annunci