DI MARIA ANTONIETTA NOCITRA
Romano. Attore e sceneggiatore, ha lavorato anche come regista in alcuni film e cortometraggi. E’ stato allievo di Camilleri all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Ha recitato in Tutta colpa di Freud, regia di Paolo Genovese (2014), Tutti per Bruno (2010) Serie TV, Crimini bianchi (2008) Serie TV, Noi due, (2007), Sottocasa (2006) Serie TV, Basta un niente, (2006), Casa famiglia 2 (2003), Vento di ponente 2 (2003), L’altra donna, (2002) film TV, Vento di ponente (2002) Serie TV, Non è giusto, (2001), Una donna per amico 3 (2001) miniserie TV, Linda, il brigadiere e…, (2000), Titus, (1999), Meglio tardi che mai, (1999) film TV, I giudici – Vittime eccellenti, (1999) film TV, Gialloparma, (1999), Due volte nella vita, (1998), Classe di ferro, (1991) – episodio La sfida.
Ha lavorato  anche alla sceneggiatura di Come Dio comanda, (2008) di Gabriele Salvatores, Benvenuti a tavola – Nord vs Sud (2013), Il siero della vanità (2004).  Ha esordito nella narrativa con il racconto scritto in collaborazione con Niccolò Ammaniti per l’antologia Crimini. Nel 2005 esce il suo primo romanzo, Sangue marcio. In particolare per la Sellerio editore pubblica romanzi e racconti con protagonista il Vicequestore Rocco Schiavone. Tra questi Pista nera (2013), La costola di Adamo (2014), Non è stagione (2015), Era di maggio (2015), Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, 7-7-2007 (2016). Schiavone, poliziotto sui generis,  vestito del suo loden e delle Clarks, trasferito da Roma ad Aosta, è divenuto un personaggio seguitissimo e molto amato al punto da trasformare le sue storie in una serie televisiva, andata in onda nel 2016, e il cui volto è stato dato dall’attore Marco Giallini.      A metà settembre, visto il grande successo della fiction, cominceranno le riprese delle nuove puntate.
                                                                                                                                                                                                                                      1) Il suo lavoro d’attore in che cosa pensa abbia influenzato il suo modo di scrivere?
  • Nella conoscenza diretta delle parole, sviscerate ogni giorno per mesi, perché le devi recitare, ne cerchi il significato più profondo. Sono stati i grandi maestri del teatro a darmi il primo insegnamento, le parole appunto, il ritmo narrativo e i dialoghi che sono l’ossatura del dramma borghese.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       2) E’ nato prima lo scrittore o prima l’attore nei suoi desideri professionali?
  • Non so come si possa chiamare, un racconta storie. Mi è sempre piaciuto fare quello, se avessi saputo dipingere come mio padre avrei fatto il pittore, ma sono talmente incapace da confondere il foglio con la matita.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         3) Da cosa nasce la sua passione per i polizieschi e i gialli?
  • Le dirò la verità, non ho una passione spiccata per i polizieschi. Mi piacciono, li leggo, li ho letti, ma non ne faccio una malattia. Non sono un profondo conoscitore di questo tipo di letteratura. Sono un lettore onnivoro. Il noir alla lunga stanca. Le letture, come tutte le cose della vita, sono ciclotimiche. Si passano dei periodi dove si attaccano solo i classici e non si vuol vedere altro, per poi deragliare sorridendo verso altri generi, il giallo, il noir, i saggi, i romanzi di formazione…                                                                                                                                                                                                                                                          4) Rocco Schiavone, grande successo letterario e grande successo televisivo. E’ per lei un amico, un nemico o un alter ego? Il suo carattere e le sue peculiarità riprendono in qualche cosa il suo modo di essere?
  • E’ un personaggio. L’ho scritto io, qualcosa di mio ce l’avrà, qualcosa forse di nascosto che non ho mai confessato, ma tutto questo attiene più alla sfera psicoanalitica che alla scrittura.                                                                                                                                                                                                                                                       5) Ricorda il giorno in cui è nato Rocco Schiavone?
  • Il giorno non lo ricordo. E’ nato piano piano, ogni giorno si è aggiunto un particolare, ha preso forma come un esperimento da laboratorio poi piano piano si è alzato e ha camminato con le sue gambe.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       6) Cinico, burbero, ironico, “non politically correct”, Rocco Schiavone è un po’ un antieroe “positivo”. In Italia oggi abbiamo più bisogno di antieroi come Rocco Schiavone o di eroi?
  • Io non volevo avvicinare Rocco alle persone, Rocco non è un esempio di tutore dell’ordine, semplicemente volevo raccontare un uomo con un passato quasi-criminale entrato in polizia, con delle zone oscure della sua vita e del suo carattere, un tutore dell’ordine sui generis che però conserva un cuore e un’umanità a volte sorprendente e commovente.  Mi piacciono i personaggi pieni di disgrazie e contraddizioni, non credo agli eroi senza macchia e senza paura, sono attratto dalle personalità complesse, e mi piace parlare sempre degli ultimi della classe. I primi li trovo poco interessanti e un po’ tristi. Oggi abbiamo bisogno di gente normale che faccia onestamente e brillantemente il proprio lavoro. Se un paese ha bisogno di un eroe ha toccato il fondo. Perché sul significato della parola eroe si possono nascondere trabocchetti che fanno marciare direttamente verso l’orrido infernale. Questo paese ha bisogno di onestà, normalità, competenza, niente di eroico.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 7) Mentre scriveva le avventure di Schiavone lo avrebbe mai immaginato col volto televisivo di Marco Giallini? Cosa ha aggiunto in più la sua interpretazione? E adesso che Schiavone possiede un volto in carne ed ossa la cosa ha cambiato il suo modo di scrivere di lui?
  • Sono felicissimo di Marco. E’ un attore eccezionale e ha dato spessore e umanità a Rocco, di questo lo ringrazierò per sempre. No, non cambia nulla, per me Rocco ha un altro viso, un’altra forma, i libri non devono mai essere influenzati dalla televisione, almeno nella mente del narratore                                                                                                                                                                                                                                            8) Inevitabile un confronto con un altro famoso personaggio letterario e televisivo: il Commissario   Montalbano. Se, immaginiamo, Rocco e Salvo potessero essere seduti davanti ad un tavolo a            chiacchierare cosa si direbbero secondo lei?                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   – Starebbero in silenzio, perché nel silenzio si possono udire i pensieri, mi perdoni la citazione.                                                                                                                                                                                                                           9) Ha scritto che Schiavone tornerà in libreria con una nuova storia subito dopo l’estate. Ma è dovuto al fatto che Rocco si è preso una pausa dal lavoro? Partirebbe mai per un viaggio con lui?
  • Nessuna pausa, sono complicati equilibri e strategie editoriali che condivido pienamente. Le vacanze estive per me significano stare seduto a lavorare, e no, non partirei mai con Rocco.                           Meglio, potrei anche partirci ma non condividerei la stessa casa.

Annunci