DI MANUELA PALERMI

L’ingordigia dei padroni è senza fine. Questa roba fa il paio con la cancellazione dell’articolo 18. Ma stavolta non passano.Le proposte di Sacconi e Ichino
Le due principali proposte di legge sono state presentate da Sacconi e dal senatore Pietro Ichino (Pd). Entrambe prevedono che lo sciopero possa essere proclamato solo da sindacati che abbiano un grado di rappresentatività superiore al 50% o, in caso contrario, in seguito a un referendum tra i lavoratori interessati. Il capitolo che caratterizza la proposta Sacconi contiene due misure per contrastare l’«effetto annuncio»: l’obbligo per i lavoratori che aderiscono allo sciopero di comunicarlo preventivamente all’azienda e l’obbligo, in caso di revoca della protesta, di deciderla con congruo anticipo e non in extremis. Tutto ciò si ritrova anche nel testo base messo a punto dallo stesso presidente.

Risultati immagini per I PARLAMENTARI SACCONI E ICHINO

Annunci