DI MASSIMO WERTMULLER

Per quanto riguarda la legge sull’apologia del fascismo. Qui non si tratta di fare come quella dittatura e colpire le libertà di opinione. Però, un certo relativismo sta rovinando questo paese e il mondo, secondo me . Sdogana tutto e il contrario di tutto. Mescola le carte e non sai più qual’è  la carta giusta da giocare. Il fascismo è stata una dittatura che oltre a colpire le libertà, oltre ad aver maturato le leggi razziali, dopo il periodo del “concerto europeo” del ’26, quando Mussolini veniva stimato da Chamberlain, convocato, infatti, come garante per il “patto di Locarno” tra la Francia e la Germania, assieme a Contarini, il suo segretario di Stato, che lo incoraggiava e in realtà lo arginava, prima del suo revisionismo, il fascismo, dicevo, poi ha voluto fare una guerra alleandosi con un pazzo sanguinario e l’ha pure persa. La peggiore pagina del XX secolo, la seconda guerra mondiale, c he Mussolini ha appunto pure perso e stiamo ancora a pagà i debiti in varie forme. Ancora stiamo proni con l’America, che comunque dobbiamo ringraziare in eterno sennò qui stavamo tutti a parlà tedesco, grazie a Mussolini. Un disastro perpetrato per un’idea di impero(!)a suon di migliaia di morti in Russia, di schiaffi presi pure dalla Grecia. Un disastro che non pareggerà mai le (poche)cose buone che il fascismo ha fatto. Il comunismo ,invece ,in realtà non ha mai visto veramente la luce sul campo dei governi nazionali. Quello russo è stato una dittatura, certo, condannabile come tutte le dittature sanguinarie, ma non è stato l’espressione dell’ideologia socialista, alla base di quella comunista. E non lo è stato manco quello di Castro o di Mao. E noi abbiamo avuto il nostro comunismo, diverso e socialista, ne sa qualcosa Berlinguer che è andato a dirglielo al Politburo nell’80,e ancora difatti lo stiamo piangendo. Quindi, semmai, la Storia deve servire per non ripetere, per esempio, errori e dolori sbagliati. Un braccio teso di oggi ricorda troppe ingiustizie,troppi sbagli. Ricorda uno dei più gravi e infamanti errori commessi dall’Italia. E chi lo tende, il braccio, spesso la nega,quella Storia. C’è addirittura chi nega la Shoà, la pagina più orrenda dell’umanità, realizzata dal complice e amico di Mussolini, in barba alla Storia, tra quelle braccia tese..

Risultati immagini per A PROPOSITO DELLA LEGGE SULL'APOLOGIA DEL FASCISMO

Annunci