DI FRANCESCA DE CAROLIS

https://alganews.wordpress.com/

Gatto randagio non sceglie, incontra, scopre. Se c’è più facilmente tristezza e disperazione ai margini della stagione vacanziera, non è colpa di chi randagia. Uomo o animale che sia.
Uomini e donne che raccontano la loro discesaagliinferi, in “C’è amore un po’ per tutti”, di Bruno Furcas e Salvatore Bandinu.
Abbandono ugualmente crudele per uomini e animali…
Randagiando di prima mattina fra le vie dietro casa, mi ha fermata due giorni fa una signora. Aveva un abito da mattino, bianco e nero. Un abito dalla garbata eleganza che si usava un tempo. Al collo portava una collana di quasi-perle d’un bianco un po’ sfocato, ma ben intonata all’abito. E nonostante un cenno di scompostezza che i capelli tradivano e lo sguardo scosso, tutto mi aspettavo fuorché mi chiedesse: “Me li dà almeno due euro…”
“Almeno due euro!”, ha insistito. E, quasi seccata per il mio attimo di incertezza, che stavo lì a dubitare di una signora come lei… “E sù!… veda un po’ quello che può fare… che mi servono almeno sei euro. Poi vado in farmacia”.
CONTINUA SU:
http://www.remocontro.it/2017/07/16/boati-solitudine-dun-giorno-destate/
Annunci