DI NICOLA BORZI
https://alganews.wordpress.com/
Chi nelle ultime settimane ha fatto un giro sul lago di Bracciano, e lo conosce da anni, ha potuto constatare che il disastro ambientale di un ambiente ecologico importantissimo e’ vicinissimo. La siccità è un problema serissimo: da troppo tempo non piove davvero, non piove abbastanza. Ma non c’è solo il clima: c’è un uso abnorme e dissennato delle risorse idriche, c’è un ritardo culturale enorme nella gestione della risorsa, c’è un dissesto tecnologico del modello economico e del sistema industriale di trasporto, distribuzione e trattamento dell’acqua.
Sono i limiti dello sviluppo, di cui parlava 45 anni or sono il famoso rapporto redatto dal Mit per il Club di Roma. Credo che intelligenze come quella di Roberto Vacca avrebbero molto da dire in proposito.
Peccato che, come sempre, quando le cose “vanno bene” (ma sarebbe più corretto scrivere “appaiono normali”), nessuno se ne occupi. Così trascorrono anni lustri decenni senza seria manutenzione, senza revisione dei sistemi e dei modelli né vera programmazione delle emergenze. Così finisce che la maggiore città italiana è di fronte a una crisi spaventosa, di cui siamo solo all’inizio e della quale non è dato conoscere gli sviluppi.
Annunci