DI ALESSANDRO GILIOLI

https://alganews.wordpress.com/

 

La maggioranza degli Stati del mondo non accetta più l’esistenza delle armi nucleari. Sono stati 122 su 194 infatti i Paesi che all’Onu hanno votato a favore della messa al bando, su tutto il pianeta, di qualsiasi tipo di ordigno atomico.

La votazione del trattato 
è avvenuta dopo una lunga trattativa alla quale hanno preso parte le delegazioni di 124 governi di cui solo uno – l’Olanda – alla fine ha votato contro (Singapore si è astenuto). Il Trattato per la messa al bando delle armi nucleari è il frutto di un lungo lavoro di Ican (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons) e di SenzAtomica.

Il Trattato sarà aperto alle firme e alle ratifiche nazionali il 20 settembre prossimo e allora si vedrà cosa farà l’Italia: che non ha partecipato alle trattative ma che è tra i pochi Stati ad avere il ripudio della guerra in Costituzione.

In Parlamento ci sono in proposito quattro mozioni che non sono state calendarizzate. Vedremo se il governo e le Camere avranno il coraggio di dare alla parola pace un senso concreto, firmando il trattato, oppure se cederanno al diktat degli Usa, contrari.

http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/07/24/news/gentiloni-avra-il-coraggio-di-dire-no-all-atomica-1.306588?ref=HEF_RULLO

Gentiloni avrà il coraggio di dire no alla bomba atomica?

Annunci