DI RAFFAELE VESCERA

Gargano, a Vieste l’antiracket c’è e vince. Per la prima volta, dopo anni di attesa, riconosciuta l’aggravante mafiosa a due estorsori appartenenti ai clan viestani, denunciati dagli imprenditori turistici vittime del pizzo, nel processo “medioevo” a Bari. Purtroppo, a rovinare la festa, oggi in pieno giorno e piena stagione turistica, due killer in azione a Vieste entrano in un ristorante e uccidono un pregiudicato. Guerra di mafia.
I cittadini perbene che denunciano i mafiosi ci sono, lo Stato invece latita e come a Roma nega per anni persino il riconoscimento dell’esistenza dei clan mafiosi. Una ragione in più per chiedere l’istituzione a Foggia della Corte d’appello e della sezione della Direzione antimafia, per la quale si batte il comitato “Appelliamoci”.

Annunci