DI NICOLA FRATOIANNI
https://alganews.wordpress.com/
La decisione del governo Gentiloni di mandare navi militari italiane in Libia per fermare i migranti ha dell’incredibile.
C’è stata una presunta richiesta di intervento da parte di uno dei tre governi libici, poi smentita e poi riconfermata. Non è chiara la cornice internazionale dell’operazione, se non la fretta del novello salvatore dell’Europa Macron.
Non è chiaro cosa andranno a fare le nostre navi in Libia, visto che tutti sanno che in quel paese esistono solo centri di detenzione in cui non vengono rispettati i più elementari diritti umani.
Spostiamo il problema di qualche kilometro, dal Mediterraneo a Tripoli.
Ci opporremmo con forza a una soluzione così pasticciata che rischia di acuire la situazione libica.
Annunci