DI FRANCESCO ERSPAMER

Dal  che doveva arrivare a Roma un’ora fa e invece è fermo dalle parti di Orte per una serie di guasti, uno sulla linea direttissima e l’altro su quella ordinaria. Che accadano contrattempi lo capisco però quest’estate metà dei viaggi italiani che ho fatto usando l’alta velocità hanno comportato significativi ritardi. Magari sono solo sfortunato; se invece altri avessero avuto simili esperienze allora vuol dire che qualcuno sta giocando alla liberalizzazione.

È il più facile dei giochi in quanto non comportaalcunastrategia o competenza; al contrario, basta dare posizioni di responsabilità a degliincapaci e impedirequalsiasiprogrammazione: poi le cosevannoavanti da sole, nelsenso che la qualità del servizioprecipita, gliutenti si incazzano, igiornalidanno la colpaalloStato e la genteaccetta o addiritturainvoca la privatizzazione. Mission accomplished.
PS Siccome vivo in America, dove il gioco lo praticano con successo da più tempo, so cosa accadrà in seguito: appena ottenuto il monopolio, i privati faranno ancora peggio e a costi molto superiori; però i cittadini non protesteranno. Ormai sono dei burattini manipolati dai media e si sono convinti che bisogna essere estremamente esigenti nei confronti del sistema pubblico ma molto tolleranti nei confronti di quello privato.

Annunci