DI LUCA MANINETTI
Il mercato rossonero non è ancora finito. Infatti, dopo i dieci colpi messi a segno in questi ultimi 45 giorni, il duo Fassone-Mirabelli è pronto a sferrare l’ultimo boom, la punta. Già, il solo Andrè Silva non basta, come si è potuto constatare contro il Craiova in Europa League. Il portoghese oltre ad essere fuori condizione, è apparso troppo individualista. Montella chiede disposizione e sacrificio, il numero 9 rossonero per ora non dà garanzie, bisogna dargli tempo.
Il solo Cutrone, capace sino ad ora di impressionare lo staff e dirigenza rossonera con i suoi 3 goal in 3 partite, non basterebbe, essendo giovane e ancora inesperto. Di certo sarà un attaccante in prospettiva, di grande qualità tecnica e di grande carattere mentale.
La caccia è aperta: il tempo a disposizione c’è, visto che manca ancora un mese prima del gong, quindi la società rossonera non ha fretta. Ma la volontà e la decisione è stata presa. Da poco è arrivata la fatturazione di Li Yonghong: il presidente rossonero ha stanziato 75 milioni di euro solo per il centravanti.
Gli indizi porterebbero a Pierre Aubameyang: il gabonese ha espresso la volontà di essere ceduto altrove, non volendo rinnovare il suo contratto con i gialloneri. Ma la sensazione è che possa arrivare un altro attaccante. La valutazione è sempre quella: 75 milioni. Sicuramente non sarà Kalinic, visto che la società rossonera ha già in mano il si del giocatore e l’accordo. Sarebbe facile investire 30 milioni di euro. La società pare stia temporeggiando: se prima della fine del calciomercato non arrivasse l’attaccante tanto sperato, allora arriverebbe l’affondo decisivo per Nikola Kalinic.
Non solo la punta, ma anche qualche altro innesto. Uno su tutti Badelj. L’ex Amburgo, in scadenza di contratto, sarebbe l’elemento aggiuntivo a questa eccellente rosa per completare il dopo Biglia. Locatelli non basta, serve più esperienza e mentalità, soprattutto perché i rossoneri giocheranno su tre fronti. E se Biglia sarà titolarissimo in campionato, in Europa sarebbe vitale un ripiego importante. Per questo la società rossonera è pronta a strappare anche il numero 5 viola alla società Toscana. Il Diavolo metterebbe sul piatto 6 milioni di euro, che accontenterebbero la Fiorentina. Naturalmente prima di tale operazione per uno tra Sosa e J.Mauri scatterà la cessione. Per il primo ci sono offerte dalla Turchia, in modo particolare dal Feneharbace che offre 5 milioni, mentre per il classe ’96 ci sarebbe l’opzione prestito.
Un altro elemento di cui si sta parlando ormai da diversi giorni è Renato Sanches. Il classe ’97, ora al Bayern Monaco, era stato prelevato per 55 milioni di euro dal Benfica. La società bavarese ha aperto le porte per un possibile prestito con diritto di riscatto. L’ostacolo è il cartellino: la dirigenza rossonera proporrebbe un prestito con riscatto fissato a 30 milioni, pochi visto che il Bayern ne vuole almeno 50, non volendo svalutare il talento portoghese acquistato solo un anno fa.
La sensazione è che il Milan chiuderà questa sessione di mercato estivo con 13 colpi. Chi sarà il mister X in attacco?
Annunci