DI FRANCESCO ERSPAMER

“Neymar al Psg, l’addio al Barça è in un video che farà commuovere chi ama il calcio”. Non è un titolo satirico di Lercio; è il titolo molto serio del “Fatto quotidiano”. Che non solo sostiene che un calciatore che si è appena venduto per 600 milioni possa anche parlare di sentimenti ed essere creduto; peggio, insinua che chi si ribellasse a questi livelli assurdi di ipocrisia non possa amare il calcio. Che chi ama il calcio debba essere per forza uno psicolabile al quale bastano quattro frasi false e melense recitate da un miliardario davanti al proprio smartphone per farlo diventare un essere umano, proprio uno come noi. Insegno un corso sul calcio, lo gioco da mezzo secolo, e la penso esattamente all’opposto del giornalista del “Fatto” e dei media liberisti in genere: chi si è commosso per il video di Neymar non ama il calcio, ama solo i soldi e il successo.

Annunci