DI MASSIMO WERTMULLER
Io so da tempo, ormai, che il tema dei diritti degli animali è uno dei temi, insieme alla cultura, all’ambiente, alla civiltà minacciata dalla corruzione, dalle mafie e dall’ignoranza, che mi appassiona di più, che arriva persino a commuovermi. Oggi uno mi ha dato del “monotematico”. Io,ovviamente, l’ho fermato dicendo che non posso permettere a nessuno di ridurre quella che per me è diventata una specie di missione, quella cioè di condividere su questo social la mia raggiunta consapevolezza che un mondo che rispetta gli animali, assieme ai bambini, certo, a tutti i soggetti più deboli, è senz’altro più civile. Quando poi io, tra l’altro, occupandomene come posso, non faccio male a nessuno, e poi, forse,magari è più facile che disturbi qualcuno mentre addenta la bistecchina. Però, volevo comunque chiedere scusa della noia che posso arrecare, aggiungendo, però,subito dopo, che finché sarò in grado di farlo con civiltà, continuerò certamente ad impegnarmi per gli animali, e per tutti gli argomenti che credo urgenti. Tanto, non è che posso girare con la frusta, e quindi stiamo parlando soprattutto (perché io comunque qualche campagna o qualche civile protesta di piazza l’ho fatta) di post su Facebook. E sempre in contemporanea anche di post più leggeri, o anche di frizzi e di lazzi eh, ci mancherebbe…
Annunci