DI MARIA PIA DE NOIA
Sul tema dell’immigrazione – anzi degli immigrati perché prima che di fenomeni parliamo di persone, vite con volti e nomi – si sta costruendo la più grande livella della storia.
Un giorno la storia ce ne chiederà conto.
Ce ne chiederanno conto i nostri figli e nipoti cui lasciamo in eredità un modello di convivenza peggiore rispetto a quello che ci hanno lasciato i nostri avi.
Però no, non riuscirete a livellarci tutti.
Lo dobbiamo alla nostra storia di popolo migrante accolto e accogliente.
Lo dobbiamo a tutti i don Tonino Bello della terra che ci hanno insegnato la convivialità delle differenze fino all’ultimo respiro.
Lo dobbiamo alla nostra umanità violata da biechi interessi elettorali.
Annunci