DI CLAUDIA BALDINI
Due poliziotti privati della Imi Security Service, Pietro Gallo e Lucio Montanino sono stati imbarcati sotto copertura sulla nave Vox Hestia di Save the Children, ong presente sul Mediterrraneo.
Sono questi due dipendenti assunti appositamente da Cristian Ricci proprietario dell’ IMI che hanno dato il via alla Procura di Trapani.
Per l’esattezza : Sono loro i primi a segnalare anomalie nelle fasi di soccorso in mare. Lo fanno prima ai Servizi Segreti , l’AISE, poi alla squadra mobile di Trapani con dichiarazioni rese il 12 settembre del 2016, subito dopo uno sbarco, sia con un’email all’ Aise (l’agenzia informazioni e sicurezza esterna), cioè il servizio segreto per l’estero, indirizzata a Paolo Scotto di Castelbianco, responsabile della comunicazione istituzionale e direttore della Scuola di formazione del Comparto Intelligence, di cui sostengono di aver recuperato nominativo e indirizzo email su internet. Denunciano che la Iuventa «si avvicinerebbe eccessivamente alle coste libiche durante le operazioni di recupero, fornendo supporto logistico agli scafisti».
———————————————————————————-
Perchè la IMI manda due spie sulla nave di Save the children?. Perchè Save the children ha accettato di lasciare spiare altre ong? Qualcuno lo ha chiesto a Cristian Ricci?
Oppure Cristian Ricci, in onore al suo legame con Gian Marco Concas, portavoce di Generazione Identitaria, ha agito per favorire la nave nera?
Paolo Scotto di Castelbianco non ha mail dichiarate in rete. Ce l’ha la dott.ssa Lucrezia Pagano responsabile per il governo dei contatti con le security private
Gian Marco Concas, portavoce di Generazione identitaria. Esperto di navigazione e skipper, Concas è il “direttore tecnico” dell’operazione navale della rete europea anti migranti, che in queste ora sta muovendo la C-Star nella zona Search and Rescue (Ricerca e Salvataggio) davanti alle acque libiche. C’è’ un video della fine di luglio che lo mostra mentre legge un comunicato ufficiale di Generazione identitaria, dove l’organizzazione si rivolgeva – con tono di scherno – alle associazioni antirazziste, all’ Arci e alla redazione di Famiglia cristiana.
Seguite il mio ragionamento :
Mi sorprende la contemporaneità tra quella prima denuncia IMI e il piano di azione di Generazione identitaria. Sul profilo Facebook(se andate a controllare) del gruppo il 3 agosto è stato pubblicato un post, mentre sulle pagine di tutti i giornali scoppiava mediaticamente l’inchiesta di Trapani:
“Il lavoro di intelligence di Gian Marco Concas, capitano di DefendEurope, sull’operato delle ONG comincia a dare i suoi frutti”, scrivono gli attivisti della estrema destra europea. “La C-Star deve ancora arrivare alla meta, ma abbiamo già colto la Open Arms e la Golfo Azzurro con le mani nel sacco mentre operano nelle acque territoriali libiche, come ben evidenziato dai dati distanziometrici”.
Al post sono allegati due screenshot che risalgono alla fine di luglio; uno in particolare ha aspetti curiosi e inquietanti: la Open Arms è collocata nelle acque libiche. Ma la cosa viene smentita direttamente dalla Marine Trafic.
Marine Traffic, l’hub digitale che raccoglie e pubblica i dati di navigazione. Il trasponder della nave Open Arms era stato manipolato, hanno confermato i tecnici, da ignoti hacker.
Alcuni esperti di sicurezza informatica consultati da Famiglia cristiana hanno spiegato che l’operazione è possibile e molto diffusa, soprattutto ai fini di frode delle assicurazioni. Non solo.
Gli stessi esperti hanno spiegato come attraverso appositi software sia fattibile un attacco più sofisticato, in grado di sabotare i sistemi di navigazione di una nave a distanza, simulando una comunicazione radio da autorità marittime.
Io queste cose le sapevo, ma confermate dall’autorità riconosciuta è fondamentale.
Ora io mi chiedo : chi, meglio di una Società di sicurezza privata può disporre di software e di hacker?
Guardate, meglio e ben pagati come possono fare loro non esiste sul mercato. Fa parte del loro lavoro su commissione.
Restano le mie due domande principali
1) Se con tutte queste denunce e prove (false) la Procura di Trapani e quella di Palermo non arrestano, dicono che nessuno è indagato, che anche l’equipaggio della Juventa al massimo ha ecceduto per tutelare i naufraghi, pur essendo reato ridare i barconi agli scafisti, qualche dubbio sarà venuto anche ai magistrati
2) Il punto centrale è dato dal collegamento tra Cristian Ricci di IMI e Gian Marco Concas di Generazione Identitaria. La nave C-Star si muove verso la Libia in contemporanea esatta con la denuncia dei due infiltrati IMI a bordo di Save The Children. Una coincidenza o un piano?
3) IMI ha agito di suo o dal ministero è stata incaricata? Perchè come mai la prima preoccupazione di Gallo e Montanino è quella di avvisare i Servizi?
Generazione Identitaria è un pericolo gravissimo.
Questo è il loro manifesto
Annunci