DI ENNIO REMONDINO

https://alganews.wordpress.com/

Golpe, contro golpe, Maduro vince, Maduro e il primo no da parte delle forze armate al suo potere traballante: le due versioni all’assalto del 5 agosto alle caserme militari di forte Paramacaynello, stato di Carabobo. Assalitori uccisi o arrestati, o quattro battaglioni disarmati e l’arsenale ora nelle mani della rivolta.
E la rivolta prende la tragica strada della guerra civile.

L’assalto del 5 agosto alle caserme militari di forte Paramacaynello, stato di Carabobo. Assalitori uccisi o arrestati, o quattro battaglioni disarmati e l’arsenale ora nelle mani della rivolta? Quale che sia la versione giusta, versione filo governativa o meno, i testimoni affermano che molti civili residenti vicino alla base a Valencia, la capitale del Carabobo, siano scesi in strada per sostenere i ribelli. ‘La guerra civile in Venezuela non è ancora una realtà’, considera il giornalista canadese Gwynne Dyer, ‘ma la situazione è quantomeno incendiaria’. Modo elegante per un più esplicito ‘ci siamo quasi’.
Se è vera la notizia che la maggior parte dei soldati di forte Paramacaynello, non ha opposto resistenza all’assalto alle caserme di Valencia, allora l’esercito sta per spaccarsi. I generali sono generosamente ricompensati per la loro fedeltà al regime, ma i soldati semplici guadagnano circa 25 dollari al mese. Le proteste di strada contro Maduro durano ormai da quattro mesi e almeno 120 persone sono rimaste uccise. L’inflazione è al 1.600 per cento, cibo e medicine scarseggiano. Sintesi nell’analisi di Gwynne Dyer su Internazionale: il Venezuela è una polveriera.
Ci sono centinaia di migliaia di fedeli sostenitori del regime “chavista” a cui il governo ha dichiarato di aver distribuito armi. Se è vera la notizia che la maggior parte dei soldati non ha opposto resistenza all’assalto alle caserme di Valencia, allora l’esercito sta per spaccarsi. Altro segnale, la violenza nelle strade sta cambiando. Oltre ai manifestanti che muoiono ogni giorno, aumentano anche i caduti tra le forze di polizia. Prodromi, segnali di una guerra civile che si sta organizzando.
Nero prossimo per il Venezuela.
CONTINUA SU:
http://www.remocontro.it/2017/08/09/giorni-cruciali-del-venezuela/
Annunci