DI NICOLA FRATOIANNI

https://alganews.wordpress.com/

25 metri al giorno, 8 chilometri all’anno. Questo è il ritmo con cui il cemento inghiotte le coste italiane, secondo un rapporto di Legambiente.
È così che interi pezzi di patrimonio pubblico diventano irreversibilmente privati; è così che in alcuni territori vengono foraggiate le casse delle mafie.
L’abusivismo, il consumo di suolo continuano ad essere emergenze per il nostro paese, insieme ai cambiamenti climatici.
Ma la politica non ne parla, anzi, quando qualcuno come Angelo Cambiano, ex sindaco di Licata, ingaggia una dura battaglia contro l’abusivismo, viene sfiduciato e abbandonato.
La battaglia per il futuro passa anche da conflitti come questo.

Annunci