DI LEONARDO MASELLA
Nei giorni scorsi c’è stato l’anniversario dell’uso della prima bomba atomica che rase al suolo in un colpo solo l’intera città giapponese di Hiroshima. Nessun militare, tutti civili, donne, bambini, tutti ammazzati. Una intera città rasa al suolo con una sola bomba.
Il punto su cui vorrei richiamare l’attenzione è che Hiroshima, e dopo qualche giorno una seconda città, Nagasaki, non furono una follia militare, come sento dire in giro. Così come totalmente falsa è la motivazione che quelle due città rase al suolo con tutte le loro popolazioni civili servissero a far finire la guerra ! La guerra era già finita ! Il bombardamento nucleare e criminale di Hiroshima e Nagasaki aveva una precisa ragione. Fu scientificamente pensato e preparato dal governo americano solo per determinare il predominio mondiale del dopo guerra, in particolare nei confronti dell’Urss, che con la vittoria sul nazismo e con i 20 milioni di morti, si era conquistata un grande prestigio nel mondo.
In pratica con Hiroshima e Nagasaki gli Usa dicono tre cose all’Unione Sovietica, al movimento comunista mondiale in ascesa e al mondo intero:
1) noi abbiamo l’arma nucleare (e nessun altro);
2) noi ora vi facciamo vedere gli effetti terrificanti e assolutamente inediti di questa nuova arma;
3) noi vi dimostriamo che non abbiamo nessuno scrupolo ad usarla, vi dimostriamo anzi che siamo così cinici e feroci da radere al suolo due intere città e le popolazioni civili inermi, e che quindi saremmo disposti ad usare quest’arma contro chiunque. Quindi attenti a voi nelle trattative sugli assetti post-bellici !
Il bombardamento nucleare di Hiroshima e Nagasaki non aveva nessuna motivazione, tranne che iniziare con un grande simbolico crimine contro l’umanità la guerra fredda (e calda) all’Urss e al movimento comunista internazionale e di liberazione dei popoli dall’imperialismo.

Annunci