DI CHIARA FARIGUStiamo per entrare nel clou di questa lunga lunghissima stagione estiva ma è già possibile tracciarne un bilancio. Intanto il numero dei vacanzieri: 33,5 milioni di persone, con una crescita di 1,2 milioni rispetto allo scorso anno. I dati sono di Codacons che oltre al numero ci fornisce anche le mete preferite: Puglia, Sardegna e Sicilia in pole position per l’Italia, Grecia Croazia e Spagna per le vacanze all’estero.

A pesare sulla scelta delle mete di villeggiatura quest’anno ha inciso più che mai l’effetto terrorismo, da qui il 78% ha optato senza esitazione di rimanere entro i confini italici, contro un 22% intenzionato comunque a trascorrere le vacanze all’estero. Il mare continua a far la parte del leone, scelto da 2 persone su tre. E lo sarà ancor di più in questi giorni, con un esodo iniziato venerdi scorso per il 47% degli italiani, un vero e proprio boom per un ferragosto che si preannuncia con un pienone come non accadeva da tempo. Località turistiche prese d’assalto dalla Romagna in giù, isole comprese. Vacanze mordi e fuggi per chi non può permettersi strutture ricettive o villaggi turistici, visite a parenti e amici per tanti altri.

Voglia di esserci, tanta. Voglia di evadere, di non pensare ai problemi quotidiani, alle difficoltà di fine mese, alle grane del lavoro, pure. Voglia di vacanza sempre e comunque. Anche adattandosi a spazi ridotti, di più, a volte anche senza l’essenziale. Come è successo a dei giovani in Salento ai quali è stato affittato un deposito con un piccolissimo “bagno” ma senza finestre né impianto di aerazione al “modico” prezzo di 450 euro a settimana. E’ il fenomeno delle “case pollaio”, così le ha definite la Guardia di Finanza che ha denunciato il business in nero che ruota intorno alle vacanze. Un annuncio diventato virale, offriva una brandina su un balcone al costo di 10 euro a notte, e tanti sono i garage e ripostigli di ogni genere spacciati per sistemazione “letto” da persone senza scrupoli a caccia di polli rassegnati comunque a farsi spennare.
Perché ferragosto è ferragosto e, cascasse il mondo, si parte. Pronti a tutto. E a qualunque costo.

L'immagine può contenere: una o più persone, folla e spazio all'aperto
Annunci